Home » News » Arrampicata e inutili polemiche

Arrampicata e inutili polemiche

Arrampicata e inutili polemiche - Blu Verticale
Sono comparsi, anche su facebook, singolari attacchi a Blu Verticale come soggetto che si porrebbe quale possibile futuro ostacolo all'arrampicata al Muzzerone. 

Sta scritto ovunque, ma è forse utile ripeterlo, che lo scopo di Blu Verticale è l'esatto contrario di ciò che questi sedicenti climbers affermano in giro per il web: l'associazione nasce nel momento in cui il territorio della falesia diventa parte del neo istituito Parco di Porto Venere ed il luogo acquisisce una diversa configurazione giuridica. 

Il Piano del Parco di Porto Venere, con D.C.R. 38/2007 ha dichiarato la palestra di roccia una Riserva Naturale Integrale, ove teoricamente l'arrampicata sarebbe interdetta. Il particolare rilievo storico della falesia e la sua diffusa conoscenza anche a livello internazionale hanno indotto, anche grazie ad un attenta opera di sensibilizzazione svolta dai fondatori di Blu Verticale nei confronti delle istituzioni, a mantenere aperta la possibilità di frequentazione per l'arrampicata, da contemperare con l'esigenza primaria di protezione di un luogo unico al mondo. 

L'associazione nasce, a fronte di tale esigenza, dall'incontro di alcuni frequentatori e apritori storici del Muzzerone, fra cui notissime Guide Alpine locali, che si sono posti di fronte alle istanze del Parco con l'obiettivo di supportare una gestione consapevole e matura della zona, in sintonia con le norme vigenti e con le esigenze di chi in quel luogo ha sempre arrampicato.

Nessun proibizionismo, quindi, semmai un progetto ambizioso ed innovativo di fruizione e gestione di un luogo a grande rilevanza ambientale. 

Spiace che gli arrampicatori di fronte a tale iniziativa dimostrino una miopia acritica, inneggiando al "muzzerone libero" e attaccando l'associazione con sterili polemiche: costoro dovrebbero rendersi conto che l'alternativa ad una frequentazione matura e consapevole della falesia non è la libertà totale ma il divieto assoluto di accesso che il Parco si vedrà costretto ad attuare di fronte a comportamenti men che civili. 

Spiace anche che tali prese di posizione arrivino da Scuole del CAI che dovrebbero avere piena consapevolezza di tale problematiche piuttosto che essere animate da sciocchi campanilismi, atteso che la loro presenza e il loro ruolo - evidentemente diverso da quello di professionisti della montagna quali le guide alpine che coadiuvano Blu Verticale - mai è stato messo in discussione.

Blu Verticale si augura che tali infondate posizioni possano trovare chiarimento con il dialogo e il confronto, affinchè il Muzzerone diventi un luogo all'avanguardia fra i siti di arrampicata moderni, sia per la qualità del sito che per la sua bellezza ma... soprattutto ... per l'intelligenza di coloro che sulle sue pareti hanno giocato molte ore della propria vita.

Si può godere di un luogo rispettandone le caratteristiche, si può evitare di arrampicare in qualche settore per qualche mese se ciò disturba qualche tipo di fauna, si può smettere di stendere inconsideratamente attrezzature e tagliare vegetazione (attività fra l'altro vietata all'interno del parco), lasciando il compito ai professionisti della montagna (guide), si può - in una parola - crescere anche come climber.

08/03/2010 23:35 commenti (0)
Blu Verticale

bluverticale@gmail.com

Blu Verticale

bluverticale

Blu Verticale

WEB CAM dalla Palmaria

Blu Verticale

WEB CAM da Porto Venere

Blu Verticale

METEO

Blu Verticale

Federazione Arrampicata Sportiva Italiana

Blu Verticale

Blu Verticale

Blu Verticale